Schifani, Casini e Rutelli: vacanze alle Maldive. E io pago...

Pubblicato il da GL

http://www.google.it/url?source=imglanding&ct=img&q=http://www.maldive.org/images/isole/laguna%20maldive.jpg&sa=X&ei=1SIET_7fJO-Q4gT1zq3dBA&ved=0CAwQ8wc&usg=AFQjCNFuiq3ibeUrkdbqQhkcc5gdS19vVQ

 

Capodanno esotico al Palm Beach Resort di Lhaviyani dove le suite costano tra i 2.550 e i 5.700 dollari a notte

Sarà anche vero che i cinepanettoni Vanzina ormai sono un flop: ma le Vacanze di Natale vere, a quanto pare, tirano sempre. Però se uno dichiara «giusto che i politici facciano i sacrifici che fanno gli altri» e poi finisce nell'isolotto più esclusivo delle Maldive può ritrovarsi con i blog della rete che lo prendono di mira. È il caso del leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini, del presidente del Senato, Renato Schifani, ma anche dell'onorevole pdl (ora nel gruppo misto) Stefania Craxi e del leader dell'Api, Francesco Rutelli. «Molte famiglie come la mia - dice una delle turiste normali, appena rientrata dall'identica vacanza - questa volta hanno provato una certa indignazione: come si fa a chiedere ai pensionati di tirare la cinghia e poi farsi vedere alle Maldive, sistemati non nelle camere di noi comuni mortali ma nelle suite più da urlo dell'isola?».

 

Oddìo, è chiaro che il primo commento sarebbe da che pulpito: nel senso che anche la cameretta più «da comuni mortali», nel resort di cui si parla, è comunque uno scherzetto da 550 dollari americani a notte. A persona. E né la signora appena citata né gli altri turisti «indignati» hanno una gran voglia, con l'aria di accertamenti fiscali che c'è in giro, di esporsi per nome e cognome. Oltretutto, come è ovvio, le vacanze in un bel posto non sono mica un reato.

L'isolotto in questione, nello specifico, è quello che porta l'impronunciabile nome di Madhiriguraidhoo nell'atollo di Lhaviyani. È lì che si trova il Palm Beach Resort, di proprietà dell'editore del Corriere dello Sport Roberto Amodei. Ed è lì, peraltro, che durante queste stesse vacanze erano a prendere il sole diversi altri personaggi del mondo sportivo e non: come il romanista Francesco Totti con la moglie Ilary e figli, e il suo ex compagno di squadra Christian Panucci, e l'ex giocatore nonché attuale dirigente bianconero Gianluca Pessotto, e il presidente del Napoli nonché produttore del cinema Aurelio De Laurentiis. L'unica differenza, per dire, è che mentre la famiglia Totti - la quale pure potrebbe ben permettersi di non badare a spese - si è accontentata di una delle camerette da 550 dollari, la comitiva politica praticamente al completo si sarebbe sistemata, come si diceva, nell'area delle ville e delle suite migliori: le cui tariffe variano dai 2.550 dollari a notte per la più piccola sino ai 5.700 (sempre a notte), cameriere fisso compreso, per la «Presidenziale».

Va naturalmente detto - la comprensibile riservatezza dei tour operator non ha consentito di verificarlo - che i politici di cui sopra potrebbero anche essere stati tutti quanti «ospiti» del proprietario del resort. E che neppure questo, se anche fosse, è di per sé un reato. Ma i commenti (impubblicabili) che da due giorni si registrano tra gli altri sul blog «I segreti della casta» qualche inquietudine la destano. Riassumibile forse nella domanda: era il caso?

Paolo Foschini link

Con tag Politica

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post