Referendum: la Corte in camera di consiglio

Pubblicato il da bastacasta

È altissima l'attesa per la decisione della Corte Costituzionale sui due referendum per l’abrogazione dell’attuale legge elettorale. Il cosiddetto Porcellum di Calderoli.
La camera di consiglio si è conclusa alle 11,15: i 15 giudici adesso devono solo decidere se ammettere o meno i due quesiti firmati da 1,2 milioni di cittadini.
E sono divisi. Bisognerà vedere se troveranno un punto di incontro o se bilanceranno, in qualche modo, la loro decisione. L'udienza comunque è terminata alle 11,15.
La sentenza è attesa per il pomeriggio, ma potrebbe anche slittare a domattina. Ipotesi, quest'ultima, che assume sempre più forza nelle ultime ore..

 

Pioggia di tweet

E proprio in queste ore i referendari stanno dando battaglia. Ieri una pioggia di tweet con scritto “Preferisco preferire” ha invaso la Rete. E ancora “No al Porcellum”, “Sì  referendum” e “Riprendiamoci la democrazia”, aderendo a un’iniziativa lanciata dal gruppo “Bastacasta”.


“Cambiamo la legge elettorale”

Intanto le forze politiche si mostrano tutte d’accordo con la necessità di mandare in soffitta il “Porcellum”. Ma la possibilità che la consultazione venga bocciata e che il sistema di voto resti così com’è, anche al prossimo rinnovo del Parlamento, resta alta. Perciò i sostenitori del referendum accusano i partiti di esercitare pressioni sulla Consulta, perché decida per il “no”.


Ma sperano nella bocciatura

E reputano probabile quest’ultimo verdetto. Basandosi sulla convinzione che la Consulta, attenendosi ai suoi precedenti orientamenti, non possa permettere che con l’abrogazione dell’attuale legge si crei un vuoto normativo in una materia delicata come quella elettorale.
Dal canto loro i referendari ribattono che la consultazione non provocherebbe alcun vuoto, perché tornerebbe automaticamente in vita il vecchio Mattarellum. 


Balduzzi a favore

E il governo? A favore dell’ammissione si è schierato il ministro Balduzzi, che da costituzionalista si è unito “all’appello di 11 colleghi”, convinti che il referendum possa tra l'altro “svolgere una funzione di pungolo per il varo in Parlamento di una nuova legge elettorale”. 


Giochi aperti

Ad ogni modo negli orientamenti dei giudici costituzionali i giochi sembrano ancora aperti. I 15 giudici della Corte costituzionale chiamati a decidere, appaiono al momento divisi in parti uguali tra chi è orientato a dire sì e chi al contrario propende per il no alla validità dei quesiti. La partita dovrebbe dunque giocarsi sul filo di lana.


Scenario 1: referendum ammessi

Se la Corte costituzionale mercoledì 10 gennaio accogliesse la richiesta dei cittadini, a giugno si andrebbe a votare per abrogare la legge Calderoli, più nota come Porcellum. E il risultato sarebbe il ritorno in vigore del Mattarellum. Un sistema sgradito ai partiti. Perciò appare fin d'ora probabile il tentativo delle forze politiche di anticipare il verdetto dei cittadini, approvando prima di giugno una riforma in Parlamento, che annulli il referendum.



Scenario 2: quesiti bocciati

Nel caso in cui, al contrario, la sentenza della Consulta bocciasse subito la consultazione, il rischio è che i tempi parlamentari si allungherebbero di molto. E una riforma del Porcellum potrebbe non vedere la luce in questa legislatura.


Scenario 3: elezioni anticipate

Ma c’è anche un terzo scenario. Prevede che la Consulta dica sì al referendum, ma poi qualche partito, per tornare a votare con la legge attuale, decida di provocare elezioni anticipate già in primavera. Con la conseguente caduta del governo Monti. 
Una ipotesi che il ministro della Salute, Renato Balduzzi, dice di escludere.
di Franco Pennello link

Con tag Politica

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post