M.Martone: 'Non mi pento ma cambierei "sfigati" con "sbrigatevi"'

Pubblicato il da bastacasta

 

 

 

"Ho toccato un tasto dolente, un nervo scoperto. Non mi pento di aver detto 'sfigato' perchè lo penso. Mi dispiace solo di non essere stato più sobrio. Ho sbagliato la parola, avrei dovuto dire 'Sbrigatevi a laurearvi'. ". Sono queste le parole del viceministro al Lavoro, Michel Martone, ai microfoni della Zanzara, su Radio 24. 
Accolto da entusiastici coretti da parte dei conduttori Cruciani e Parenzo, Martone spiega il contesto e le motivazioni della sua frase: "Parlavo dell'importanza dell'apprendistato e del fatto che l'età media dei laureati in Italia è troppo alta. A chi si laurea tardi preferisco un giovane che fa l'apprendistato e inizia a lavorare a 16 anni. Siamo in un momento in cui è meglio che i giovani italiani inizino a lavorare, bisogna brigarsi e dare il massimo." 
Riguardo alla reazione del ministro Fornero, Martone chiarisce che "non c'è stato alcun cazziatone. Il ministro mi ha sorriso e mi ha detto di essere più sobrio". Le critiche della Lega Nord? "Pensavo che la Lega, almeno per una volta, fosse dalla mia parte visto che ho difeso i giovani apprendisti che vanno a lavorare, e al nord ce ne sono tantissimi. Stimo e apprezzo tutti quelli che studiano lavorando o si sono iscritti all'università tardi li stimo e li apprezzo, ma di loro nessuno parla. Ci sono invece 2 milioni di ragazzi che non studiano, non lavorano e non sfruttano i loro talenti per fare il bene del nostro paese. Se mi attaccano personalmente è perché ho toccato un tasto dolente."

 

Prima di parlare, contare sino a 10 !

Con tag Società

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

tittirrrr 01/26/2012 13:25

credo che tutto sommato l'on.martone non abbia tutti i torti, o meglio si e' espresso male, secondo me. Non e' possibile che un ragazzo oggi ci metta 6-7-8- e piu' anni a laurearsi. Diventa un peso
economico per la societa', se dopo non aver potuto fare un tot minimo di esami all'anno, deve rivedere le sue potenzialita' e magari mettersi a fare un corso per diventare panettiere,idraulico ecc.
come consiglia anche il "nostro amato governo di tecnici", altrimenti cosa ce ne facciamo di un Medico che si e' laureato magari a 35 anni? Mi viene da pensare che e' il solito figlio di
privilegiati che possono mantenerle il proprio figlio fino a quell'eta' e poi vedere che in sala operatoria fa morire qualche poveretta per parto cesareo?

bastacasta 01/26/2012 17:50



Leggi il post di oggi