Bolzano, iPad in regalo ai politici

Pubblicato il da bastacasta


Michaela BiancofioreMichaela Biancofiore

Il Comune omaggia con un tablet di Apple i suoi 50 consiglieri, ovviamente con i soldi pubblici (45 mila euro). «Così», spiega il sindaco «potremo comunicare via mail». Peccato che abbiano già tutti un computer

 

Tagli alla politica? Macché: omaggiamo con un bell'iPad tutti i 50 consiglieri comunali, a spese del contribuente. Succede a Bolzano, dove per Natale è stato deciso di dare agli eletti un tablet della Apple per un costo complessivo di 45 mila euro. La proposta è nata dal segretario generale del Comune, Helmuth Moroder, e subito sostenuta dai consiglieri comunali Paolo Berloffa (Unione per Bolzano) e Paolo Bertolucci (Pdl). 

Tra i favorevoli il sindaco Luigi Spagnolli, del Pd: «Risparmieremmo moltissimo perché i consiglieri ricerveranno sull'iPad le informazioni che ora arrivano cartacee: e quando i decadranno, restituiranno l'iPad o li riscatteranno», dice. Spagnolli dimentica però di dire che il consiglio scadrà nel 2015, e fra tre anni e mezzo quell'iPad sarà decisamente obsoleto, vista la velocità della tecnologia; né aggiunge il dato più importante: già ora è possibile farsi inviare per e-mail i documenti, un pc o uno smartphone ce l'hanno tutti, non c'era nessun bisogno del tablet.

L'idea del regali di Natale è stata sostenuta anche dall'Udc (Angelo Gennaccaro), mentre contraria era Franca Berti, capogruppo Pd: «Se effettivamente può essere utile un tablet per il lavoro dei consiglieri, dovremmo acquistarlo noi. In un momento così difficile sembra uno schiaffo alla miseria». Nello stesso Pd però diversi consiglieri erano favorevoli, come Ubaldo Bacchiega e Sergio Bonagura, mentre Andrea Felis era contrario. Contrari erano pure i Verdi, con Brigitte Foppa e Rudi Benedikter: «Un'iniziativa inutile che va rifiutata, il tema dello spreco di carta non è convincente, molti di noi ricevono già la documentazione del Comune via e-mail», spiegano. 

Tra i beneficiari dell'omaggio, tra l'altro, c'è anche la bionda deputata del Pdl Michaela Biancofiore, nota per il suo assenteismo in consiglio, che quindi può aggiungere il suo device elettronico a quelli che già le ha dato in dotazione Montecitorio. 

Ancora non si con certezza quale modello di iPad verrà dato ai consiglieri, ma sicuramente sarà l'iPad2, il più recente, sia con il WiFi sia con la connessione in 3G: quindi il prezzo per ogni tablet può variare da 605 a 806 euro, a seconda se sarà scelto il modello da 16, da 32 o da 64 Gb. Probabile che la scelta cada sul più caro, che quindi alla fine costerebbe quasi il doppio un normale laptop (che, ovviamente, potrebbe ricevere mail e documenti esattamente come l'iPad, ammesso che esitano consiglieri comunali a Bolzano che non abbiano già un computer di proprietà). 

Il Comune di Bolzano non è nuovo a spese che fanno discutere. Due giorni prima di Natale il Consiglio ha approvato la proposta dell'Udc (con i voti contrari di Pd, Prc, Idv e Sel, assenti i rappresentanti del Movimento 5 Stelle) che impegna a reperire nuovi fondi per la costruzione della faraonica chiesa dedicata a Madre Teresa di Calcutta, nel quartiere di Firmian. Costo totale dell'opera, per la quale la Curia aveva appunto chiesto finanziamenti pubblici, è di circa 13,6 milioni di euro. Il Comune aveva già finanziato l'opera con tre milioni di euro, dopo aver donato il terreno dal valore di circa 1,3 milioni di euro.

 

di Paolo Tessadri link

Con tag Politica

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post