A.A.A. DEA BENDATA CERCASI

Pubblicato il da bastacasta

 

http://www.ricchezzavera.com/blog/wp-content/uploads/2010/08/Come-si-vince-al-superenalotto-dea-bendata-www.RicchezzaVera.com_.jpeg

Tre giorni fa, il giorno dell'Epifania, la tradizionale Lotteria Italia ha regalato ben 5milioni di euro ad un fortunato napoletano che avrà sentito così certamente lievitare parecchi grattacapi dalla sua capoccia. La vendita dei biglietti ha portato alle casse dello Stato 41,5 milioni di euro; 8 milioni, infatti, sono stati i biglietti venduti quest'anno. Insomma, la possibilità di diventare Zio Paperone fa gola un po' a tutti. Ma la Fortuna è cieca e così la ricerca della Dea Bendata si complica sempre più. La crisi c'è e gli italiani decidono di giocarsela! Perché la speranza è l'ultima a morire, si sa, ma alle volte, lo spensierato desiderio di vivere una vita un po' più agiata si trasforma in un batter d'occhio in una vera e propria ossessione. In molti casi, infatti, il gioco diventa una dipendenza, causa anche di molte separazioni e divorzi. Oltre alla fatidica Lotteria la Dea si nasconde dietro centinaia di facce diverse: lotto, superEnalotto, gratta&vinci, videopoker e chi più ne ha più ne metta. La tassa sulla Fortuna pare non scoraggi l'esercito di agguerriti giocatori che spesso vedono evaporare il loro stipendio nel giro di qualche ora.

In Italia i potenziali giocatori variano da un minimo di 900mila ad un massimo di circa 1,8 milioni; eclatante il dato registrato proprio lo scorso ottobre: raccolta la cifra record di 1miliardo e mezzo di euro. Due mesi prima, agosto 2011 quindi, si era registrata una crescita di aspiranti milionari pari al 75% in più rispetto al 2010, della serie "Gratta che ti passa". Come accennavamo prima, nessun timore nei confronti della nuova tassa sul gioco, introdotta da Giulio Tremonti con la manovra di agosto, secondo la quale tutte le vincite superiori a 500 euro dovranno subire un ulteriore prelievo pari al 6% che andrà dritto, dritto alle casse dello Stato. Con questo provvedimento si prevede di incassare circa 1miliardo e mezzo di euro.

La norma, secondo quanto stabiliscono i tre decreti (il primo sulle Lotterie Istantanee, il secondo sul Superenalotto e i giochi collegati, il terzo sulle videolotterie), avrà impatto su tutti coloro che andranno a riscuotere le vincite a partire dal primo gennaio, anche se riguardano il passato. Che qualcuno avvisi il signore di Napoli!

di Federica Campilongo   (staff @bastacasta) 

@laCampilongo

 

Con tag Società

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post